regolazre le emozioni

07/11/19 Blog # , , , , , , , ,

Intelligenza emotiva: saper gestire le emozioni per vivere meglio

La razionalità riveste un ruolo importante all’interno delle nostre vite, ma non tutto si esaurisce con essa. Per vivere bene e relazionarsi con successo con gli altri è essenziale saper riconoscere e gestire le emozioni. Ambito questo collegato all’intelligenza emotiva. Vediamo di che si tratta.


Quando parliamo di intelligenza siamo abituati a pensare alle funzioni cerebrali e cognitive che utilizziamo quotidianamente per svolgere le più diverse attività. Un elemento, un senso quasi matematico e profondamente razionale di approcciare la realtà.

C’è una forma di pensiero, però, che esula dai numeri e dai ragionamenti più spiccatamente scientifici: è quella che viene definita intelligenza emotiva che ha a che fare con le emozioni, la parte più intima dell’essere umano e con il livello inconscio.

Prima di scoprire i benefici collegati a questa abilità e il perché dovremmo imparare a coltivarla, soffermiamoci sulla sua definizione.

Intelligenza emotiva: l’arte di saper gestire le emozioni.

Le 5 componenti dell’Intelligenza emotiva

Per comprendere realmente la portata e il cambio di prospettiva collegati all’intelligenza emotiva partiamo dal chiarire di che cosa si tratta. In estrema sintesi, l’intelligenza emotiva è l’attitudine che permette a una persona di riconoscere e gestire le emozioni sue e degli altri individui con cui entra in relazione. All’atto pratico ciò significa essere in grado di identificare lo stato d’animo che si sta vivendo, di dare voce a quelle determinate sensazioni e di calibrare il proprio comportamento così da agire in maniera il più possibile equilibrata.

A questi passi si aggiunge poi l’abilità di interpretare correttamente le emozioni delle persone che ci circondano, distinguendo tra gli stati d’animo che appartengono a noi e quelli che sono invece esterni. Da ultimo, ma non meno importante, l’intelligenza emotiva implica la capacità di impiegare le informazioni derivanti dalla consapevolezza emozionale per raggiungere i propri obiettivi: professionali, personali o connessi al benessere psicofisico.

Sebbene i primi studiosi a parlare di questo concetto siano stati Peter Salovey e John D. Mayer all’interno del loro articolo Emotional Intelligence nel 1990, spetta a Daniel Goleman il merito di aver fatto conoscere l’intelligenza emotiva al grande pubblico.  Nel 1995 lo psicologo e scrittore statunitense ha, infatti, pubblicato un libro sul tema. La pubblicazione, nota semplicemente come  Emotional intelligence, per il mercato italiano è stata tradotta in “Intelligenza emotiva. Che cos’è e perché può renderci felici”. Titolo significativo che mette l’accento anche sui benefici connessi a tale abilità.


Intelligenza emotiva e benessere psicofisico.

In alcune occasioni, sia in ambito lavorativo che personale, poter contare sull’intelligenza emotiva può essere alla base di interessanti vantaggi.  Si pensa, infatti, che chi sa ben applicare questa capacità abbia maggiori opportunità di successo nel settore relazionale che ha risvolti sottili o evidenti su quasi tutti i campi della nostra esistenza. A questo proposito ci sono alcune caratteristiche dell’intelligenza emotiva che ci possono aiutare nella vita di tutti i giorni.

Avere consapevolezza di sé, saper identificare e gestire le proprie emozioni ci permette di agire con più efficacia e moderazione interagendo  con più facilità con un contesto su cui non abbiamo controllo diretto, con una situazione inaspettata, con un ostacolo improvviso o un interlocutore magari non a nostro favore.

Essere in grado di motivarsi mentalmente – trasformando limiti, paure o negatività in stimoli positivi e spinte verso il raggiungimento dei nostri obiettivi – permette di ribaltare del tutto la nostra prospettiva. Questo ci permette di rigenerarci, di caricarci di nuova energia e di incrementare la nostra tolleranza dello stress evitando di cadere vittima di circoli viziosi, idee fisse o abitudini controproducenti.

Infine poter contare sull’empatia, altro elemento fondante dell’intelligenza emotiva, ci permette di calarci nei panni di chi ci sta vicino e di instaurare relazioni qualitativamente migliori che producono beneficio a tutte le parti coinvolte.

Già da questa breve disamina si capisce perché sia importante tenere in considerazione e allenare queste competenze che tutti abbiamo, ma che devono comunque essere sviluppate con cura grazie a esercizi mirati, alla mindfulness, a meditazioni guidate e alla psicoterapia.


Ti è piaciuto l’articolo sull’intelligenza emotiva? Leggi anche Leadership: le qualità che fanno la differenza nella vita e nel lavoro.

0 likes no responses
Iscriviti alla Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 254 altri iscritti